INVESTIRE INFORMATI

- NEWS DI ECONOMIA E FINANZA - INFORMAZIONI SU RISPARMIO, INVESTIMENTI, FINANZIAMENTI, MUTUI, PREVIDENZA

Borsa turca, anno straordinario per il mercato azionario di Istanbul

Dall’inizio del 2012 l’indice ISE 100 della Borsa turca ha messo a segno una performance in euro del 49% e sembra che il rally possa continuare

E’ un risultato eclatante il rialzo conseguito dalla Borsa turca, che da inizio anno si colloca al top rispetto ai grandi mercati mondiali finanziari e a quelli emergenti, sorprendendo anche gli analisti. Un bel recupero considerando che nel 2011 aveva ceduto il 32%.
E secondo i gestori la corsa non è destinata a fermarsi, in quanto il listino è tornato ai livelli del 2010 ed inoltre il rapporto prezzo utili atteso per le azioni è pari a 10-11. In base a questi dati i prezzi azionari della Borsa turca sembrano a buon mercato e possono continuare a rivalutarsi anche nel 2013.

Ma come mai una performance così sostenuta?
Il motivo fondamentale è da collegarsi alla politica economica della Turchia. L’economia cresce con un buon ritmo da anni. Le riforme strutturali sono state avviate nel 2001 e le privatizzazioni attuate dallo Stato nel


campo dell’industria, bancario e della comunicazione, hanno contribuito a far crescere il Pil (Prodotto interno lordo) del 5,1% annuo.

Uscita indenne dalla crisi del 2008, l’economia turca ha avuto un rallentamento del tasso di produzione che nel 2012 sarà del 3%. Ma le previsioni dicono che questa percentuale ritornerà al 5% vista la domanda interna, il basso indebitamento privato e una politica di bassi tassi di interesse.

Inoltre l’appetibilità delle azioni della Borsa turca attirerà un maggiore interesse da parte degli investitori istituzionali. L’ottimismo è dato anche dall’apprezzamento dell’Agenzia Moody’s, che nel luglio di quest’anno ha alzato il rating della Turchia avvicinandolo al livello di investment grade. Si prevede che nel 2013 le Agenzie di rating possano alzare ulteriormente il giudizio portando quindi il Paese a livello di investment grade, cioè di massima affidabilità.

Da considerare inoltre che si parla molto dell’entrata della Turchia nell’area euro, il che darebbe senz’altro una potente spinta all’economia del Paese.
Tutto questo potrà dare motivazioni importanti alla Borsa turca, garantendo la fiducia agli investitori, soprattutto ai  fondi pensione e ad altri investitori internazionali che hanno l’obbligo di investire in azioni con rating elevato.

Tuttavia, essendo la Borsa turca rappresentativa di un mercato finanziario emergente e considerando la volatilità delle Borse sottili, è chiaro che un investimento effettuato in quel Paese può presentare dei rischi notevoli.

La volatilità è uno dei fattori che un investitore deve mettere in conto; infatti bastano pochi scambi o le oscillazioni di un titolo azionario con un grosso peso borsistico, a far cambiare repentinamente il valore gli indici. Inoltre la situazione politica interna in continua tensione ed un eventuale coinvolgimento nel conflitto civile della Siria, sono problematiche da tenere in considerazione.

Dunque, come facciamo sempre in presenza di mercati speculativi, si consiglia molta prudenza da parte dei risparmiatori. Chi vuole investire nella Borsa turca lo faccia solo in un’ottica di diversificazione del proprio portafoglio.
Il modo più semplice e meno rischioso per un risparmiatore italiano per entrare nel mercato turco è quello delle Sicav e degli Etf, indicati nelle due tabelle sotto riportate. I rendimenti di questi strumenti nel 2012 sono stati in linea con quelli della Borsa turca.

TurchiaFondi_zps1c023c97

TurchiaEtf_zpsfa0adedb

1 Comment

Add a Comment
  1. Grazie per la precisazione. Infatti l’indice IBC della Bolsa de Valores de Caracas ha fatto ad oggi un +305% dal 1 gennaio 2012. Il petrolio del Venezuela ha spinto molto la borsa, che però non è considerata una borsa di riferimento a livello internazionale: è poco trasparente e risente molto delle oscillazioni della valute.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

INVESTIRE INFORMATI © 2014 Frontier Theme